Tag Archives: contest letterario

Premio F. M. Crawford II Edizione 2014

premio crawford editorialeCiao amici del Crawford,

Anche quest’anno, dopo il successo dell’anno scorso, il Premio Crawford è ai blocchi di partenza. Io sono Antonio Ferrara e vorrei spendere due parole su quello che è stato e sarà il Premio Crawford. Come molti di voi sapranno si tratta di un Premio Letterario per la letteratura di genere Horror. Credo che nel nostro paese esistano buone penne e tanti estimatori di questo genere spesso maltrattato, perciò quest’anno ho deciso di modificare i requisiti di accesso al Premio. Niente allarmismi, non siamo come gli altri. Noi non prendiamo soldi. Il nostro Premio è gratuito per tutti, ma vogliamo assicurarci che chi vi acceda, non sia il tipo di persona che partecipa a tutti i concorsi indipendentemente dal “tema” trattato. Inoltre vorrei ricordare che il Crawford nasce principalmente per promuovere la letteratura di genere, tutta. Quindi con queste premesse anticipo che quest’anno per poter accedere al Premio sarà requisito fondamentale avere almeno uno (1) di questi romanzi: L’urlo bianco di Antonio Ferrara, Neila (ebook) di Antonio Ferrara, L’estate di Montebuio di Danilo Arona, L’uomo nero e la bicicletta blu di Eraldo Baldini, Il giocatollaio di Stefano Pastor, Io vi vedo di Simonetta Santamaria, I vivi, i morti e gli altri di Claudio Vergnani, Ore Nere a cura di Christian Antonini e Vito di Domenico. Nel caso non abbiate uno dei libri elencati, vi consigliamo l’acquisto di almeno uno dei romanzi per poter accedere al Premio. Il vero obbiettivo del Crawford è, come vi dicevo, quello di divulgare la letteratura di genere. Crediamo che chi partecipi a un contest di questo tipo debba aver letto, o leggere uno di questi romanzi. Si tratta libri italiani di autori italiani e pubblicati da case editrici italiane. Va bene leggere King, Lansdale e compagnia bella, ma cerchiamo di valorizzare anche e soprattutto i nostri autori, per far in modo che un domani qualcuno valorizzi voi (casomai vincitori del Crawford). C’è bisogno di un cambiamento, c’è bisogno di credere in un sogno, c’è bisogno che il vampiro torni a succhiare il sangue e che lo zombi torni a mangiare carne. C’è bisogno che l’Horror torni a far paura.

Benvenuti al Premio Crawford.

Antonio Ferrara


Andrea G. Colombo, Horror.it e Hbooks per il premio Crawford

logo_horror-itLa biblioteca di Derry è orgogliosa di annunciare una nuova sinergia collaborativa. Lo scrittore, nonché fondatore di Horror.it, Andrea G Colombo ha risposto “Presente!” alla chiamata horrorifica del Crawford e ha deciso di mettere in palio il suo romanzo IL DIACONO con tanto di autografo al vincitore del Premio, inoltre tramite oscuri emissari del portale Horror.it (stiamo parlando di Marcello Gagliani Caputo) saranno selezionati dei racconti da pubblicare per il nuovo marchio editoriale Hbooks. Cosa volete di più dalla vita? Se la vostra risposta è: “Un Lucano”, allora avete sbagliato concorso, ma se cercavate fama, gloria, libri in regalo con tanto di dediche e una pubblicazione, siete nel posto giusto. Aggiunti i premi e il premio speciale Horror.it nella sezione: “Cosa si vince?”

andrea_04_mini

Andrea G. Colombo

Nasce nel 1968 con troppe passioni per una sola vita. Il pallino dell’informatica lo porta a iscriversi a ingegneria, a spendere capitali in computer e gadget elettronici (che compra e – troppo spesso – usa pochissimo), e a iniziare una intensa attività culturale on line creando e curando siti web. Quello dell’architettura gli fa cambiare corso di studi e si trasforma nel suo lavoro (e tormento, visto che e lo porterebbe a cambiare casa ogni anno pur di poterla riprogettare ex novo ogni volta). Quello delle arti marziali gli fa praticare Judo, Kung Fu, Boxe Thailandese, e gli rovina, lussa, spezza tutto quello che è possibile rovinare, lussare e spezzare in un corpo umano. Quello dell’horror, infine, gli fa divorare centinaia di libri e film, lo mette in contatto con un mondo assolutamente affascinante e fa nascere in lui l’amore per la scrittura.

Dopo aver creato il primo sito web italiano dedicato alla cultura horror, Horror.it, si dedica alla cura di alcune antologie di narrativa horror quali SPETTRI METROPOLITANI (Addictions, 1999) e JUBILAEUM (PuntoZero, 2000). Pubblica racconti in diverse antologie quali FRAGMENTS D’UN MIROIR BRISE’ (PAYOT ET RIVAGES, Francia, 1999) a cura di Valerio Evangelisti, IN FONDO AL NERO (MONDADORI, 2003). Sempre nel ‘99, cura l’edizione italiana del romanzo breve BUBBA HO TEP di Joe R. Lansdale (ADDICTIONS). Nel giugno 2004, per le EDIZIONI MASTER, progetta, realizza e cura i contenuti del mensile di cinema e letteratura HORROR MANIA, sul quale pubblica periodicamente narrativa per il serial di sua ideazione IL DIACONO. Nel 2005 affianca a Horror mania la gemella dedicata al thriller: THRILLER MANIA. Per la Gargoyle Books, scrive la prefazione al romanzo HANNO SETE di Robert McCammon (2004). Nel 2008, nell’antologia ANIME NERE RELOADED (MONDADORI) viene pubblicato il suo racconto ASFALTO. All’interno dell’antologia IL MIO VIZIO E’ UNA STANZA CHIUSA, pubblica la novella BOXED (Supergiallo Mondadori, 2009) opzionata per il cinema da un noto produttore romano. Nello stesso anno, pubblica LA FORCELLA DEL DIAVOLO all’interno dell’antologia BAD PRISMA (Epix, Mondadori 2009).

Ha scritto due sceneggiature per altrettanti film che probabilmente non vedranno mai la luce, una serie TV per un canale satellitare (idem come sopra) e diversi articoli di critica cinematrografica per quotidiani e riviste. Per la TV, adesso, sta lavorando a un pilota per una serie di documentari sul cinema horror italiano.

Non ha idea di cosa sia il concetto di noia, perché non ha mai passato mezz’ora della sua vita senza fare o pensare a qualche progetto. E non è sicuro al cento per cento che questa sia una cosa buona…

Il_Diacono_02Il Diacono

Siamo porte.
Ciascuno di noi, ovunque sul pianeta. Varchi spalancati attraverso cui il Male può irrompere e infettare la nostra realtà.
Sino a oggi, i varchi erano tenuti sotto controllo da una Volontà più alta e da un delicato equilibrio di forze. Ma come predetto dalle profezie, l’equilibrio è stato spezzato e qualcosa di estremamente pericoloso è riuscito a passare. Qualcosa di così antico da non aver lasciato negli uomini neppure il ricordo di sè.

E’ in mezzo a noi, ora, e si trascina dietro tutto l’orrore che per millenni è stato faticosamente tenuto alla larga da questa realtà. Forse non c’è più alcuna via d’uscita. Forse non c’è abbastanza Bene sulla Terra per contrastare tutta la malvagità che sta per contaminare questo mondo.
Forse, la salvezza è nelle mani di un monaco senza memoria, senza nome, senza passato. Un uomo la cui vita e potere sono un enigma che deve essere risolto in fretta, prima che sia troppo tardi. I suoi confratelli lo chiamano semplicemente Diacono ed è il più pericoloso e temuto esorcista che sia mai apparso sulla Terra, dai tempi di Gesù Cristo.

Non resta più molto tempo ormai. Lo scontro finale è prossimo.
Non ci sarà alcuna pietà.
Per nessuno.
Il tempo della mietitura è giunto.

Dalla Prefazione

La prosa di Andrea, lo scoprirete, è asciutta, essenziale, quasi da sceneggiatura cinematografica. Le frasi sono brevi e sparate come colpi di mitraglietta, spesso utilizzando un processo iterativo in crescendo che enfatizza il pathos dell’azione. La capacità creativa è fuori discussione: lo scopriranno specialmente quelli che ricordano i primi episodi apparsi su Horror Mania e che scopriranno come la medesima partitura possa essere declinata in modi completamente diversi, pur senza perdere la propria identità. Il lavoro di documentazione che è alla base del romanzo è stato condotto in maniera rigorosa, con una cura quasi “scientifica” dei particolari.

HBOOKS_TESTATA_jpg

Hbooks

Hbooks nasce nel dicembre 2012 come naturale evoluzione di più di 15 anni di esperienza nel settore dell’editoria (digitale e non). I nostri primi esperimenti di pubblicazione online in formato eBook risalgono al 1998 (Rock, di Danilo Arona), la nostra prima antologia cartacea risale invece al 1999 (Spettri Metropolitani, a cura di Andrea G. Colombo). Da allora non abbiamo mai smesso di sperimentare, lavorare e combattere per portare avanti le nostre idee e perseguire i nostri scopi.

Cosa facciamo

Il nostro obiettivo principale è da sempre quello di operare per la diffusione della narrativa horror italiana, un obiettivo che cerchiamo di raggiungere seguendo molteplici strade e strategie. Hbooks è l’ultima evoluzione di questo lungo cammino: un marchio che vuole cogliere e sfruttare le occasioni fornite dalle ultime evoluzioni in materia di ebook e stampa on demand, aperto a tutte le novità ma senza rinnegare il passato. A noi, infatti, non interessa quale sia il supporto, non ne facciamo una guerra di religione (Carta Vs Digitale o viceversa). A noi interessa il contenuto: il resto sono solo dettagli. Sono le storie a fare la differenza, non i supporti che servono per trasmetterle.

Non abbiamo mai pensato di lucrare sull’altrui lavoro: per lo più le nostre iniziative sono sempre state rigorosamente no-profit. Questo perché non abbiamo mai visto gli autori come polli da spennare, quindi ci siamo guardati bene da pratiche piuttosto comuni quali bandire concorsi a pagamento, stage a pagamento, o di proporre pubblicazioni in cambio di “contributi” di qualsiasi natura. Abbiamo invece sempre cercato (laddove possibile) di diffondere gratuitamente le opere e Hbooks proseguirà nel solco della tradizione. Crediamo che contribuire quanto più possibile alla circolazione della narrativa horror prodotta nel nostro paese sia più gratificante che guadagnare pochi spiccioli lucrando sui sogni altrui. Per questo, cercheremo di proporre quanti più eBook gratuiti ci sarà possibile.

Il team

Il team di Hbooks si compone principalmente delle professionalità che da tempo costituiscono il nucleo redazionale di Horror.it con alcuni giovani innesti e alcune figure di rilievo. Siamo un gruppo di autori, critici, giornalisti e creativi che credono in quello che fanno e lo fanno senza perdersi in troppe chiacchiere o proclami altisonanti. Le nostre vicende personali ci hanno portato a collaborare a vari livelli con molti degli autori ed editori italiani, con pubblicazioni o collaborazioni di varia natura, consentendoci di accumulare l’esperienza necessaria a muoversi come si conviene in un ambiente indubbiamente complesso qual è l’editoria nostrana. Siamo piuttosto pragmatici e badiamo al sodo. Tanto lavoro da fare e così poco tempo…

Andrea G Colombo     IL DIACONO     Marcello Gagliani Caputo     Hbooks    Horror.it