Tag Archives: l’urlo bianco

Premio Crawford I Edizione: Il Vincitore

winner-is-620È il momento che tutti aspettavamo, la rivelazione finale, la nomina di colui che è riuscito a fare breccia nel cuore dei Giurati del Crawford.

Vince la Prima Edizione del Premio Francis Marion Crawford per la letteratura di genere Horror, Simone Carletti con l’opera “Non è nulla“. Il racconto sarà pubblicato nel romanzo di Antonio Ferrara “L’Urlo bianco” di prossima pubblicazione per Il Foglio Letterario e tutto il Montepremi riservato al primo classificato.

Complimenti a Simone e a tutti coloro che hanno creduto in questo contest.

La Biblioteca di Derry

Antonio Ferrara


L’urlo bianco e il vincitore del Premio Crawford per il Foglio Letterario

leafContinuano le buone notizie per colui che vincerà il Premio Crawford e per il romanzo L’URLO BIANCO di Antonio Ferrara.

Il Foglio Letterario capitanato da Gordiano Lupi pubblicherà il romanzo e il Vincitore del Premio. Siamo molto felici e orgogliosi di questa notizia che non può che far bene allo spirito del Crawford e di tutti coloro che ci stanno credendo. Ora come ora potremmo dire tante cose, ma siamo rimasti senza parole. Dateci il tempo di riprenderci dalla notizia e vi aggiorneremo sugli sviluppi.

Quindi, come di consuetudine, possiamo dire che Il Foglio Letterario ha risposto “Presente!” con la “P” maiuscola al Premio Crawford.


Il Vincitore del Crawford all’interno del romanzo di Antonio Ferrara

vincitore crawford tra le righe del romanzo di antonio ferraraMolti di voi ci stanno chiedendo come verrà inserito il racconto vincitore del Premio all’interno del romanzo di Antonio Ferrara.

Il racconto sarà inserito direttamente all’interno della narrazione e non in calce alla fine del romanzo. Quello che segue è la “prosa” del romanzo di Antonio Ferrara prima e dopo il racconto che si aggiudicherà il Premio Crawford. Ricordiamoci che Mike Calabritti (personaggio centrale della storia) è uno scrittore in crisi che non riesce più a scrivere qualcosa di sensato da mesi.

“La penna vibrò tra le dita e come se animata di vita propria iniziò a eiaculare sul foglio bianco…”

Quindi a questo punto verrà inserito il racconto vincitore del Premio Crawford.

Poi la narrazione proseguirà:

“Mike osservò l’ultima parola scritta e la penna gli scivolò tra le dita rotolando sul tavolo e finendo sul pavimento…”

Come avrete notato in questo modo il racconto sarà parte integrante della storia e non una semplice appendice. Ovviamente sarà segnalata la paternità del racconto all’interno del libro, copertina e quarta di copertina.


Alda Teodorani per il Premio Crawford

teodorani la signora delle tortureLa scrittrice Alda Teodorani ha risposto “Presente!” alla chiamata del Premio Crawford.

Il suo capolavoro “La signora delle Torture” sarà omaggiato al vincitore del Premio Crawford con tanto di dedica e autografo. Un prestigioso omaggio che si va ad aggiungere alla nutrita lista di ricompense

Questo volume raccoglie i racconti della scrittrice, che vanno dal 1989 a oggi, ampliata da un corredo di notizie bibliografiche e annotazioni personali che rendono il libro prezioso per chi vuole avvicinarsi alle multiformi capacità letterarie della Teodorani. Ci troviamo di fronte ad un libro che ripercorre tutte le correnti della nuova letteratura italiana contemporanea: horror, fantascienza, splatter, sperimentale, intimismo, con relativi assaggi di pensiero su ciò che è la scrittura. Per questo che a fine lettura, ci troviamo di fronte ad una raccolta, che racchiude in sé l’estremo talento della Teodorani, che è sempre alla ricerca di una forma racconto che sfugge da qualsiasi rigido schema, capace di spiazzare il lettore. In fondo come abbiamo ripetuto all’inizio, la capacità della sua scrittura, ci porta dalle parti indefinite di sentimenti alterni, che ormai noi tutti, o per lo meno una parte, ha provato sulla sua pelle, visto l’incertezza di questi tempi frantumati dall’inesorabile incidere di un era confusa. L’autrice non si allontana mai comunque dalla forma di racconto, perché come dice lei il provare nuove strade, deve anche spingere il lettore a scoprire emozioni rinnovate, che coincide con una evoluzione narrativa certe volte sprezzante, ma stimolante negli spunti intrapresi.

Alda Teodorani official website