Tag Archives: narrativa di genere

Premio Speciale Altrisogni

310125_271237959554725_4501459_nSiamo lieti di annunciare il Premio Speciale Altrisogni.

Un racconto tra quelli pervenuti sarà selezionato dalla redazione della rivista Altrisogni e il vincitore del Premio Speciale  sarà pubblicato sulla rivista. Inoltre gli sarà fatta un’intervista che sarà pubblicata sul blog ufficiale Altrisogni

Ringraziamo Altrisogni per questa bellissima opportunità e per l’attenzione riposta nel Crawford. Grazie a questa realtà alcuno partecipanti al Crawford dell’anno scorso, sono stati attentamente selezionati e pubblicati da poco nell’antologia Ore Nere.

 


NEL BUIO per i finalisti del Premio Crawford

Cover-Nel-buio Altrisogni D&NLa Redazione Altrisogni ci ha comunicato la disponibilità di omaggiare i primi dieci classificati del Premio Francis Marion Crawford con una copia elettronica dell’antologia “NEL BUIO“. Si tratta di una notiza che speriamo possa far felici i partecipanti del Premio e che ci indica ancora una volta che, quello che era partito come un semplice concorso per racconti di genere si è tramutato in poche settimane nel Premio dedicato alla narativa Horror più corposo che si sia mai visto. Non parliamo solo dei premi messi in palio da realtà come Altrisogni e Dbook, ma anche per le tante personalità coinvolte.

Il Premio Crawford, non un Premio qualsiasi, ma il Premio di Tutti.

Ringrazio personalmente a nome di tutto il “Crawford” La Redazione Altrisogni e l’editore dbooks.it

Antonio Ferrara

Esiste una sfida più grande per uno scrittore o un fotografo di quella lanciata dall’oscurità assoluta? Nemico del minaccioso candore della pagina vuota e irriducibile avversario della luce che definisce linee e colori, il buio obbliga l’uno e l’altro a penetrare nei suoi misteri armati di una luce particolare, una lanterna alimentata da un combustibile volatile e altamente esplosivo, da attingere nei recessi della mente dove abitano sogni e incubi. È quello che hanno fatto i partecipanti del concorso Nel Buio, lanciato dalle riviste digitali Altrisogni e D&N: questa antologia raccoglie le prime dieci immagini fotografiche e i primi dieci racconti classificati. Non solo: la stessa sfida è stata raccolta da alcuni ospiti prestigiosi, penne conosciute e rinomate come quelle di Danilo Arona, Cristiana Astori, Alberto Cola, Stefano Di Marino, Clelia Farris.

L’orrore, il fantastico e la fantascienza, la paura e la meraviglia, l’ignoto e il suo irresistibile richiamo: ognuno degli autori di questa antologia si è spinto fin dove la sua mente poteva condurlo per svelarci un lembo del mistero che nasce dove la luce muore. Per portarci, insomma, Nel Buio.

Contiene racconti inediti di:

Yuri Abietti, Giuseppe Agnoletti, Mikro Dadich, Roberto Guarnieri, Anna Notti, Roberta Pizzuto, Fiorella Rigoni, Rubrus, Tanja Sartori, James Carroll Wish

e di Danilo Arona, Cristiana Astori, Alberto Cola, Stefano Di Marino, Clelia Farris.

Contiene fotografie di:

Giuseppe Agnoletti, Nicola Baldazzi, Gianluca Bocci, Riccardo Bruni, Flavi oMariano, Alfredo Negroni, Katiuscia Noseda, Francesco Palmitessa, Antonio Putini, Simone Varisto

e di Andrea Chelli, Andrea Rota Nodari e Paolo Cavanna

PAGINA DI “NEL BUIO” sul sito dell’editore dbooks.it:
http://www.dbooks.it/libreria/scheda/110/20/horror/nel-buio.html

Una recensione di “Nel buio” (su WordShelter.it)
http://www.wordshelter.it/storie-raccontate-nel-buio/

Una recensione di “Nel buio” con intervista (su UrbanFantasy.it)
http://urbanfantasy.horror.it/2012/03/nel-buio/


Claudio Vergnani e Gargoyle Books per il Premio Crawford

logo gargoyle booksCosa dire? Quello che doveva essere un concorso legato al lancio de L’URLO BIANCO e un’opportunità di pubblicazione da parte del fortunato che si aggiudicherà il Premio Francis Marion Crawford si sta tramutando in un evento unico e inimitabile. I più grandi autori della penisola e le case editrici sensibili per il “sovrannaturale” stanno rispondendo all’unisono: “Presente!” Lo scrittore Claudio Vergnani e la Gargoyle Books hanno messo in palio per il vincitore del Crawford il romanzo I VIVI I MORTI E GLI ALTRI con tanto di dedica da parte dell’autore.

Non possiamo fare altro che ringraziare e Claudio Vergnani e la Gargoyle Books tutta. Un ringraziamento speciale alla squisita Valentina Masilli (Ufficio Stampa Gargoyle) per l’entusiasmo, la disponibilità e la professionalità dimostrata.

i vivi i morti e gli altri vergnani crawfordLe cose sono cambiate: nessuno riposa più in pace dopo la morte e il mondo si popola di terribili zombi. Oprandi è un ex militare di mezz’età, stanco e alcolizzato, privo di certezze per l’oggi e senza alcuna speranza per il domani, che viene assoldato per dare la morte definitiva a coloro che “grattano” furiosi per uscire dai loro sepolcri. L’uomo si imbatte nella facoltosa signorina Ursini, con cui stringe un patto: recuperare il padre non-morto sepolto nella cappella di famiglia e riportarlo alla figlia che provvedere, dopo che Oprandi gli avrà restituito la pace eterna, a seppellirlo di nuovo con tutti i crismi religiosi. In cambio lei lo condurrà con sé in Svizzera, al sicuro. Ma l’impresa è tutt’altro che facile. Fra zombi, strani e inquietanti incontri, gruppi armati allo sbando, luoghi da girone infernale, amici veri o presunti, Oprandi capirà che la minaccia non viene solo dai cadaveri resuscitati, ma anche e soprattutto da quegli individui che non hanno perso la vita, ma di sicuro l’umanità.

claudio-vergnani-keeneNato a Modena, svogliato studente di liceo classico, ancor più svogliato fuoricorso di Giurisprudenza, Claudio Vergnani preferisce passare il tempo leggendo, giocando a scacchi e tirando di boxe. Allontanato dai Vigili del Fuoco, dopo una breve e burrascosa parentesi militare ai tempi del primo conflitto in Libano, sbarca il lunario passando da un mestiere all’altro, portandosi dietro una radicata avversione per il lavoro. Dalle palestre di bodybuilding alle ditte di trasporti, alle agenzie di pubblicità, alle cooperative sociali, perso nei ruoli più disparati, ma sempre in fuga da obblighi e seccature.

Infine ma non in ordine d’importanza un caro pensiero della Biblioteca di Derry, Antonio Ferrara e noi tutti va al grande Paolo De Crescenzo (Fondatore della Gargoyle nel 2004, amministratore unico e responsabile editoriale fino al 2011)

Grazie Paolo.