Tag Archives: premio crawford

Crawford: Premio Speciale Horror.it / Hbooks

logo_horror-itCi sono stati appena comunicati i fortunati selezionati del Premio Speciale Hbooks da pubblicare per il marchio editoriale Hbooks.

Gli oscuri emissari del portale Horror.it  si sono espressi e hanno selezionato ben tre racconti partecipanti al Crawford.

Amore paterno (Flavio Graser)

Lo spettacolo delle 18 (L. Filippo Santaniello)

La dama di Venezia (Alessia Coppola)

Complimenti ai selezionati e un grandissimo grazie a tutto lo staff di Horror.it e Hbooks per il supporto a questa iniziativa.

La Biblioteca di Derry

Antonio Ferrara

Advertisements

Crawford: Premio Speciale Altrisogni

310125_271237959554725_4501459_nLa rivista Altrisogni ci ha appena comunicato il vincitore del Premio Speciale Altrisogni con la seguente motivazione: “Perché è un’opera che reinterpreta efficacemente i meccanismi e le atmosfere dei grandi classici del terrore, grazie a un’accurata costruzione e a una scrittura senza sbavature, in cui ogni parola è tarata alla perfezione. Un racconto teso, ritmato, che pur facendo riferimento a schemi consolidati riesce a lasciare il lettore stupito e soddisfatto. Una piccola perla di narrativa horror.”

Si tratta del racconto “Il quadro” di Yuri Abietti

Abietti riceverà un pacchetto composto dai primi 6 numeri elettronici di Altrisogni, a cui si aggiungerà l’antologia ebook Nel buio. Inoltre l’opera sarà pubblicata sulla rivista e sarà intervistato per il blog ufficiale Altrisogni

Abbiamo lanciato un altro autore? Questo non lo sappiamo, quello che possiamo dire è che siamo entusiasti di poter dare qualche soddisfazione e speriamo che questo possa spronare non solo Abietti, ma tutti voi a fare meglio e a leggere e scrivere con costanza. Inoltre non finiremo mai di ringraziare la realtà Altrisogni per il pieno supporto a questa iniziativa.

La Bibblioteca di Derry

Antonio Ferrara


Crawford: Premio Speciale Mezzotints

MEZZOTINTSLa realtà editoriale Mezzotints Ebook ci ha comunicato il nome della fortunata vincitrice del “Premio Speciale Mezzotints”.

Questa è la motivazione: “per l’originalità dell’impostazione narrativa multicolore, che riesce a fondere il paradossale con l’oscurità della memoria, mettendo a nudo la carne e la polpa dell’ancestrale. Un terrore basico e intimo che rotola sul parallelo della follia.”

Si tratta di Agata Alleruzzo con il suo “Il frutto del tuo seno” che riceverà un abbonamento Hyper a 10 ebook

Siamo davvero entusiasti e ringraziamo infinitamente Mezzotints Ebook per il pieno supporto a quest’iniziativa.

Ricordiamo a tutti che è in uscita per l’editore un capolavoro da non perdere. Questa è la presentazione del nuovo titolo della collana Prisma di Mezzotints Ebook diretta da Alan D. Altieri. Ecco un video teaser per scoprire l’autore, con piccoli estratti del testo. Un novembre in grande stile…  Guardate il Trailer


Premio Francis Marion Crawford I Edizione: I Finalisti

5-sagome-persone-people-silhouttesBuongiorno cari amici del Crawford, ecco la notizia che aspettavate. Di seguito i 10 finalisti della prima edizione del Premio Francis Marion Crawford. La selezione è stata dura per non dire durissima e alcuni racconti non sono rientrati in finale per mezzo voto, ma come per tutti i concorsi, a parte la bravura dei partecipanti anche il fattore “fortuna” fa la sua parte. Quello che possiamo assicurare è che i 10 racconti in finale sono il risultato della somma esatta della votazione dei giurati. Vorremmo premiare davvero tutti voi, ma non possiamo. Quello che però possiamo anticipare è che oltre a questi finalisti, di giorno in giorno saranno annunciati i vincitori e i selezionati dei Premi Speciali del Crawford, ma per ora in bocca al lupo ai dieci sopravvissuti alle grinfie dei giurati del Premio. I finalisti si aggiudicano il libro La cuccetta superiore di F. M. Crawford  e l’antologia “NEL BUIO” messa in palio dalla Redazione Altrisogni e l’editore dbooks.it

Rigorosamente in ordine alfabetico:

Bambini (Diego Tonini)

 

Chiama il mio nome (Serena Bertogliatti)

 

Come stelle cadenti (Alberto Rudellat)

 

Guerra segreta (Daniele A. Galliano)

 

Il quadro (Yuri Abietti)

 

L’occhio dell’abisso (Lia Tomasich)

 

Non è nulla (Simone Carletti)

 

Registrazione n.122 (Davide Schito)

 

Scuro bruciato miscela arabica (Fabio Lastrucci)

 

Squali (Valeria Barbera)


L’urlo bianco con la prefazione di Stefano Pastor

stefano pastor scrittore il giocattolaio fazi io scrittoreLo scrittore Stefano Pastor arricchirà l’edizione del romanzo L’urlo bianco di Antonio Ferrara (con il vincitore del Premio Crawford) che sarà pubblicato da Il Foglio Letterario di Gordiano Lupi, con la sua prefazione.

Questa è un’altra stupenda notizia che crediamo possa far piacere a tutti i partecipanti e a coloro che stanno credendo in questo Premio. Una piccola curiosità. Il titolo originale del romanzo doveva essere “Grida oltre il silenzio”, poi l’amico del Crawford Danilo Arona consigliò di chiamarlo L’urlo bianco (“che è un “italianismo” dell’americano White Scream che si riferisce alle emissioni capitate dai presunti fantasmi in metafonia“. Cit. D. Arona.


L’urlo bianco e il vincitore del Premio Crawford per il Foglio Letterario

leafContinuano le buone notizie per colui che vincerà il Premio Crawford e per il romanzo L’URLO BIANCO di Antonio Ferrara.

Il Foglio Letterario capitanato da Gordiano Lupi pubblicherà il romanzo e il Vincitore del Premio. Siamo molto felici e orgogliosi di questa notizia che non può che far bene allo spirito del Crawford e di tutti coloro che ci stanno credendo. Ora come ora potremmo dire tante cose, ma siamo rimasti senza parole. Dateci il tempo di riprenderci dalla notizia e vi aggiorneremo sugli sviluppi.

Quindi, come di consuetudine, possiamo dire che Il Foglio Letterario ha risposto “Presente!” con la “P” maiuscola al Premio Crawford.


15 notti alla scadenza del Premio Crawford

le-ali-della-liberta-miaaCari amici vi ricordiamo che mancano 15 notti alla scadenza del Premio Crawford, esperienza che si sta rivelando entusiasmante e competitiva. Io sono Antonio Ferrara e oltre ad aver istituito il Premio ed essere l’autore del romanzo in cui verrà pubblicata l’opera vincitrice, ho il compito di leggere tutti i racconti che poi smisto ai giurati (io non valuterò), ma sarà appunto la prestigiosa giuria e gli sponsor a decretare il vincitore del Crawford, oltre a selezionare i racconti per le antologie. Quello che mi preme è ringraziare tutti coloro che stanno credendo in quest’iniziativa. Giurati, sponsor, editori, scrittori, testate giornalistiche, amici vecchi e nuovi e persone che avrebbero potuto ignorare questo Premio e che invece si sono messe d’impegno affinchè questo non diventasse la solita selezione di racconti, ma che fosse qualcosa di più. (Uno fra tutti cito la rivista Altrisogni per le parole sincere che ha dedicato al premio) Una comunità, un Premio non per pochi, ma di tutti. Siamo solo alla prima edizione di questa che io definisco “un’avventura”, ma la qualità dei racconti pervenuti è molto alta. Certo c’è qualcuno che ci ha mandato qualche “Harmony” così tanto per gradire, ma la maggior parte dei racconti rispecchia lo spirito che ci eravamo prefissati: Quello della paura, intesa nel senso più largo del termine. Mancano quindici notti alla scadenza del bando di concorso e vorrei augurare un grande in bocca al lupo (sperando che non crepi) a tutti coloro che hanno inviato le loro opere e a coloro che lo stanno facendo in questo momento. Per gli indecisi posso solo dire che questa è un’occasione unica. Per coloro che pensano di non poter scrivere un “capolavoro” in così poco tempo, sappiate che si narra che un certo William Shakespeare scrisse Romeo e Giulietta in una notte. Per coloro che non masticano la letteratura della “bara traballante” dico ancora che uno scribacchino del Maine votato all’horror scrisse Rita Hayworth e la redenzione di Shawshank, ovvero il racconto su cui si basa l’omonimo film “Le ali della libertà”.

Siamo noi che ci poniamo dei limiti, ma quando riusciamo a valicarli, quando ci riusciamo, ci sentiamo rinati e pronti a tutto. Anche a credere.

Antonio Ferrara