Tag Archives: raccolta di racconti

I Vincitori del Premio Crawford 2014

vincitori-giugnoFinalmente ci siamo riusciti. A questo punto sarete andati già in fondo alla pagina per vedere se siete tra i selezionati che faranno parte dell’antologia dedicata al Premio. Premetto che è stata dura tirare fuori 17 racconti. Alcuni racconti erano a distanza di mezzo punto per non parlare di quelli a parimerito. Ci sono volute ulteriori votazioni e considerazioni per formare una rosa d’eccellenza che di sicuro scontenterà qualcuno, ma che potra rendere orgogliosi i “sopravvissuti”. Tutti bravi davvero. Il livello medio degli elebarati pervenuti è stato nettamente superiore dell’edizione del 2013 e questo non può farci che ben sperare per l’edizione del 2015. Qualcuno ci ha chiesto se anche qust’anno ci sarà un vincitore assoluto. Ci sarà. L’annuncio del vincitore avverà tra circa una settimana. Inoltre sarà annunciato anche il vincitore del Premio Speciale Altrisogni. Detto questo, complimenti a tutti quanti. Un ringraziamento speciale ai giurati che hanno svolto un lavoro professionale e certosino. Grazie.

I selezionati saranno contattati nei prossimi giorni per la preparazione dell’antologia.

Restate sintonizzati.

Antonio Ferrara

I selezionati in rigoroso ordine casuale:

Il vecchio e il ragno – Nicola Lombardi

Tutti i nodi vengono al pettine – Massimiliano Giri

Il mostro di carta – Cristiano Fighera

Il sangue delle case vecchie – Antonio Milicia

La terra dei padri – Marco Marino

Fagiolo – Davide Camparasi

Hell express – Matteo Pisaneschi

Sabbia messicana – Maria Emanuela Scovazzo

Helter Skelter – Mariachiara Moscoloni

I ripulitori – Michele Scoppetta

La mano anarchica – Daniela Forni

La scelta – Anna Rita Foschini

Presagi – Arianna Zeta

Streghe – Valeria Barbera

Vieni a me – L. Filippo Santaniello

A ogni costo – Davide Schito

L’autogrill – Denis Topalovic

 


Premio F. M. Crawford II Edizione 2014

premio crawford editorialeCiao amici del Crawford,

Anche quest’anno, dopo il successo dell’anno scorso, il Premio Crawford è ai blocchi di partenza. Io sono Antonio Ferrara e vorrei spendere due parole su quello che è stato e sarà il Premio Crawford. Come molti di voi sapranno si tratta di un Premio Letterario per la letteratura di genere Horror. Credo che nel nostro paese esistano buone penne e tanti estimatori di questo genere spesso maltrattato, perciò quest’anno ho deciso di modificare i requisiti di accesso al Premio. Niente allarmismi, non siamo come gli altri. Noi non prendiamo soldi. Il nostro Premio è gratuito per tutti, ma vogliamo assicurarci che chi vi acceda, non sia il tipo di persona che partecipa a tutti i concorsi indipendentemente dal “tema” trattato. Inoltre vorrei ricordare che il Crawford nasce principalmente per promuovere la letteratura di genere, tutta. Quindi con queste premesse anticipo che quest’anno per poter accedere al Premio sarà requisito fondamentale avere almeno uno (1) di questi romanzi: L’urlo bianco di Antonio Ferrara, Neila (ebook) di Antonio Ferrara, L’estate di Montebuio di Danilo Arona, L’uomo nero e la bicicletta blu di Eraldo Baldini, Il giocatollaio di Stefano Pastor, Io vi vedo di Simonetta Santamaria, I vivi, i morti e gli altri di Claudio Vergnani, Ore Nere a cura di Christian Antonini e Vito di Domenico. Nel caso non abbiate uno dei libri elencati, vi consigliamo l’acquisto di almeno uno dei romanzi per poter accedere al Premio. Il vero obbiettivo del Crawford è, come vi dicevo, quello di divulgare la letteratura di genere. Crediamo che chi partecipi a un contest di questo tipo debba aver letto, o leggere uno di questi romanzi. Si tratta libri italiani di autori italiani e pubblicati da case editrici italiane. Va bene leggere King, Lansdale e compagnia bella, ma cerchiamo di valorizzare anche e soprattutto i nostri autori, per far in modo che un domani qualcuno valorizzi voi (casomai vincitori del Crawford). C’è bisogno di un cambiamento, c’è bisogno di credere in un sogno, c’è bisogno che il vampiro torni a succhiare il sangue e che lo zombi torni a mangiare carne. C’è bisogno che l’Horror torni a far paura.

Benvenuti al Premio Crawford.

Antonio Ferrara